Le giocate più belle Vol. 2 Politano 7^ giornata

Nei minuti finali l’Inter è alla ricerca del 2-0 per consolidare il vantaggio ed evitare la beffa dei sardi nei minuti di recupero. Per essere il minuto 89 ed essendo in vantaggio di una rete, 5 giocatori in area su un calcio d’angolo sono tanti. La difesa del Cagliari riesce comunque a inibire la pericolosità dei saltatori nerazzurri presenti in area, grazie alla spizzata di Andreolli che prolunga la traiettoria del corner battuto da Brozovic  ben oltre il secondo palo, quasi fuori area.

La palla prende una traiettoria lenta e arcuata, il primo giocatore che riesce ad entrare nella disponibilità della sfera è Matteo Politano, posizionato in marcatura preventiva sul centro sinistra dell’area. Il pallone scende e prende velocità,al punto che il numero 16 nerazzurro sbaglia l’aggancio con la sfera, il pallone gli sbatte sull’esterno, gli rimane dietro rispetto al corpo e soprattutto si impenna per quasi due metri. In tutto ciò la difesa del Cagliari cerca di accorciare sull’ala nerazzurra, alzandosi così da ribattere la potenziale conclusione. Il pallone, rimasto dietro rispetto al corpo di Politano, consente a questi di poter trovare la migliore coordinazione per impattare al meglio la sfera, andando in massima estensione con la gamba sinistra, accompagnando il movimento con una leggera torsione del busto così che possa impattare in pieno il pallone col collo del piede, così da non far scendere troppo il pallone ed impedire la ribattuta ai difensori del Cagliari. La traiettoria del pallone è estremamente potente e pulita e complice anche una deviazione di un giocatore sardo, il pallone dà un bacio al palo e si deposita in rete.

Per Politano è la prima gioia in nerazzurro, l’ex Sassuolo diventa così il nono marcatore nerazzurro in Serie A, il decimo in tutte le competizioni.