LINEA INTER VAR REVIEW – INTER –TORINO – MASSA

INTER – TORINO
MASSA
DI IORIO – BOTTEGONI
IV: MINELLI
VAR: NASCA
AVAR: ALASSIO

Per la gara Inter – Torino valevole per la 32° giornata di Serie A è stato designato Davide Massa di Imperia.

L’arbitro ligure ritorna ad arbitrare l’Inter dopo poche giornate, l’ultima volta fu infatti la recente sconfitta contro il Sassuolo che finì non senza polemiche. Una gara per l’appunto dove Massa non convinse appieno, pur dimostrando di avere delle buone qualità. Non sorprende infatti che sia stato scelto per una gara simile,  sempre con l’Inter in casa e contro un avversario inferiore sulla carta. Unica differenza rispetto al Sassuolo è che il Torino ha qualche cosa in più da giocarsi in quanto a classifica, visto che non è ancora del tutto salvo.

In sostanza una gara ampiamente al livello di Massa, se non addirittura inferiore, l’occasione giusta per “riprendere” il suo rapporto con l’Inter.

E venendo alla partita si può dire che la prestazione di Massa sia stata positiva. Una gara non difficile sul piano tecnico e disciplinare, che comunque ha richiesto più provvedimenti di Massa, che si può dire sia stato bravo a tenerla sul piano disciplinare onde evitare che si incattivisse, considerando anche il momento dell’Inter, squadra nervosa e il Torino, squadra di per sé molto fallosa e arcigna, tanto più quando chiamata a fare una gara di rimessa.

Ciò su cui Massa ha lavorato molto bene è stata la soglia tecnica del fallo. È stato bravo infatti a capire quando lasciar giocare, molto spesso, ma allo stesso ad intervenire, e spesso anche con i cartellini, quando questa soglia si alzava oltre il consentito. Il che non è facile considerando che molti peccano nel trovare un equilibrio tra il lasciar giocare e il prendere provvedimenti.

In tal senso non è un caso che ben due gol nascono da due contatti valutati giustamente non fallosi: sul gol di Belotti del Torino c’è una spinta di Izzo ai danni di Borja Valero, ma leggera e lontana dal vivo dell’azione, mentre sul gol di Martinez è Sanchez a recuperare palla su De Silvestri che cade ma senza subire fallo poiché il cileno aveva preso solo il pallone.

In sostanza la prestazione di Massa si può considerare assolutamente positiva, analizziamo gli episodi in dettaglio:

23’ bravo l’assistente n°1 Di Iorio a segnalare il fallo di Aina su D’ambrosio a Massa sventolando la bandierina e presumibilmente comunicare all’auricolare di fare giallo, visto che l’ammonizione arriva con un leggero ritardo e con l’arbitro che cammina per prendere tempo.

25’ Nonostante le proteste di Conte sentite anche via TV, è giusto il giallo a Godin che interviene da dietro su un giocatore del Torino.

29’ giusto il giallo a Meite per aver allontanato il pallone, un episodio tanto stupido quanto meritevole di provvedimento.

37’ giusto non punire l’intervento di Bastoni in area nerazzura che avviene se non col il petto comunque con un braccio attaccatissimo al corpo e dunque non punibile.

57’ giusto il giallo a Brozovic che pur prendendo il pallone “alza” di troppo il “limite” della gamba del consentito e dunque si configura come intervento imprudente.

84’ – manca il fallo di Izzo su Sanchez che viene trattenuto, dalla prospettiva dell’arbitro sarebbe potuto sembrare uno scontro più che una trattenuta. Se fosse stato fischiato sarebbe stato giusto ammonire.