C&F – Inter, mercato sostenibile. Rapporto costo rosa-ricavi sotto il 70%. C’è spazio per nuovi acquisti

Il sito calcio & finanza propone un’attenta analisi sul calciomercato dell’Inter rapportando gli acquisti e le cessioni effettuati fino a oggi con relativi costi a bilancio.

Ad oggi, si legge, l’Inter ha effettuato dieci operazioni in entrata, tra riscatti e nuovi arrivi, per una spesa complessiva di 155 milioni e un aumento del costo della rosa (ammortamenti+stipendi lordi+costo prestiti) pari a circa 81,1 milioni di euro.

Questo a fronte di tre cessioni: il prestito di Radja Nainggolan al Cagliari (secondo la Gazzetta dello Sport, in carico all’Inter restano due mensilità e il resto sarà pagato dai sardi) e le cessioni di Yann Karamoh al Parma e George Puscas al Reading. Queste ultime due hanno garantito plusvalenze per circa 16 milioni di euro.

Sempre alla data di oggi,  il costo della rosa dell’Inter per la stagione 2019-2020, inteso come somma di stipendi lordi, ammortamenti e costo dei giocatori in prestito, sarebbe di 236 milioni, in crescita di circa 40 milioni rispetto ai 198,2 milioni della stagione 2018-2019; considerato che le stime di fatturato per il 2019 contemplano una quota di 400 milioni di euro di ricavi caratteristici nella stagione 2019/20, in crescita di poco meno del 10% rispetto ai 370 milioni previsti nel 2018/19, il rapporto tra costo della rosa e ricavi sarebbe pertanto del 57%. Un dato in peggioramento rispetto al 47% della stagione 2018-2019 ma ancora decisamente all’interno della soglia, considerata virtuosa, del 70%. Questo dato, quindi, rende il mercato nerazzurro sostenibile, insieme rapporto tra costo della rosa (198,2 milioni di euro) e ricavi (417 milioni, comprese 46 milioni di plusvalenze) pari al 47%. Lo spazio quindi per ulteriori acquisti per il club nerazzurro c’è, anche se rimane da contemplare l’ipotesi di alcune cessioni anche per le questioni legate al Fair Play Finanziario.

Fonte: Calcio & Finanza