Conte: “Ci sarà da lottare ogni partita. Dobbiamo fare il nostro percorso senza pensare a nessuno”

Conte nel post partita di Inter-Udinese ai microfoni di Dazn: “Ci sarà da lottare ogni partita. Dovremo essere bravi. Ho fatto i complimenti ai ragazzi, perché era una partita molto difficile contro una squadra forte. Aver preso tre punti è stato importante. Li abbiamo meritati, ma dobbiamo riconoscere che l’Udinese è stata brava a rimanere in partita. Dovevamo essere più cinici e chiudere il discorso, ma invece siamo rimasti sempre con l’affanno”.

“Hanno giocatori bravi fra le linee, ma bene così. Sappiamo che dobbiamo lottare in ogni partita. Leggo troppe fesserie. Dobbiamo fare il nostro percorso senza pensare a nessuno. Non è stato semplice, nessuno ci ha regalato semplice”.

“Ora la Champions, poi il derby. Dobbiamo recuperare le energie. In queste 7 partite avremo delle risposte e tutti faranno il loro. Oggi ho avuto risposte positive da Politano, Gagliardini”.

“Barella? Era ammonito, ma anche lui ha fatto una buona partita. Dobbiamo lavorare, sapendo che la strada è lunga e senza farci prendere da facili entusiasmi. Vogliamo essere una squadra rognosa”.

“Candreva? A parte la fesseria che stava facendo nel finale, ha fatto una buona partita. Deve continuare a lavorare, sapendo che non sarà semplice. Il livello del campionato si è alzato”.

“Godin? Abbiamo fatto il precampionato così, de Vrij centrale mi dà garanzia perché legge bene le situazioni. Diego in quella posizione ci dà esperienza e solidità, ha anche un discreto piede. Stiamo lavorando tanto per dare ai difensori diverse opzioni. Erano due mesi che lui non giocava: è entrato bene, sono contento”.

“Ai ragazzi ho detto: preparatevi, perché chi gioca contro di noi farà partite difensive, e noi dobbiamo essere bravi a iniziare l’azione dai difensori e a stare attenti alle ripartenze. Oggi ci siamo riusciti contro una squadra che farà soffrire tanti. Avrei potuto provare con tre punti e due costruttori di gioco, siamo riusciti a lavorare su un altro sistema di gioco. L’abbiamo attuato oggi e questo è positivo. Più conoscenze hanno i calciatori e più c’è possibilità di cambiare”.

“Sanchez? Alexis è molto istintivo, e noi abbiamo bisogno di alcuni movimenti. C’è bisogno di lavorare, ma sono contento per le soluzioni alternative che abbiamo dato oggi“.