Inter, nelle casse mancano 75 milioni di euro non ancora versati dagli sponsor asiatici

I ricavi derivanti dalle sponsorizzazioni con l’azionista di controllo Suning e altri partner asiatici nel periodo che va dal 1 luglio 2016 al 31 marzo 2019 ammonta a 227 milioni di euro.

Questo è quanto emerge dalla relazione redatta da Inter Media and Communication, la società attraverso cui il club nerazzurro ha emesso il bond da 300 milioni.

Nello specifico nella stagione 2016/2017, la prima targata Suning, questa voce di ricavo nel bilancio ammontava a 74,8 milioni (cifra regolarmente intascata).

La stagione successiva, quella 2017/2018 i ricavi provenienti dalle sponsorizzazioni con partner asiatici e la stessa Suning sono cresciuti fino ad toccare cifra 87,62 milioni. Di questi, secondo quanto indicato nei documenti ufficiali del club, non sono ancora stati pagati circa 11,1 milioni.

Nei nove mesi chiusi al 31 marzo 2019, invece, i proventi sono stati pari a 64,74 milioni. Ad oggi, segnala la società nella relazione sui nove mesi, tali importi non sono ancora stati versati nelle casse del club.

Significa che l’Inter deve ancora ricevere una cifra pari a circa 75,85 milioni di euro che le società partner non hanno ancora provveduto a saldare.

Dall’Inter Media and Communication fanno sapere di essere in costante contatto con le controparti e nei prossimi mesi prevedono ulteriori incassi di liquidità.

Sul fronte generale invece, come riporta il sito calcioefinanza.it, c’è da registrare un enorme balzo in avanti nei ricavi nel periodo dal 1 luglio al 31 marzo 2019 con un incremento del 47% rispetto a un anno fa.

I ricavi da sponsorizzazione si sono attestati a 91,07 milioni (60,12 milioni nei 9 mesi della passata stagione), mentre i ricavi da diritti tv sono passati da 96,41 milioni a 138,71 milioni, soprattutto grazie alla Champions League 2018-19.

Fonte: calcioefinanza.it