Inzaghi e Handanovic alla vigilia della Supercoppa: “Per vincere ci vorranno corsa e determinazione. Vogliamo fare una grande partita”

Mister Simone Inzaghi e capitan Samir Handanovic presentano alla stampa la finale di Supercoppa tra Inter e Juventus:

INZAGHI:

💬 Quanto è importante avere Zhang al fianco in vista di questa partita? Ti ha chiesto qualcosa in particolare?
🗣️ “La vicinanza del presidente mi rende contento, ma in questi mesi in cui non c’era l’ho sempre sentito molto vicino. Ci sentivamo, ci messaggiavano prima e dopo ogni partita. Ha visto la gara con la Lazio, speriamo di fare una grande gara domani sera per lui e per i tifosi. Ci dobbiamo preparare al meglio”.

💬 Juve imbattuta da 8 partite, cosa significa giocare con la Juve per un trofeo importante?
🗣️ “È una finale, favoriti non ce ne sono in queste gare. Sono in salute, domenica ha ribaltato una partita complicatissima all’Olimpico. Conosciamo la Juventus, abituata a giocare finali. Ha giocatori con grande esperienza, noi siamo in un ottimo momento, speriamo di regalare una soddisfazione ai nostri tifosi. Importanti gli episodi e le motivazioni”.

💬 Come si batte la Juventus?
🗣️ “Le finali sono partite particolari, possono essere decise dal singolo episodio. Dobbiamo fare una partita di corsa, aggressività e determinazione. Ci saranno delle difficoltà e momenti in cui la Juve ci metterà in difficoltà, dobbiamo essere bravi a uscirne perché vogliamo fare una grande partita”.

💬 Essere la squadra da battere come dicono tutti può pesare? Le altre si nascondono?
🗣️ “Timore no, deve essere uno stimolo visto che siamo in testa alla classifica. Al 20 di agosto prima che iniziasse il campionato la netta favorita per lo scudetto era la Juventus e tante altre squadre con l’Inter a contenderlo ai bianconeri. Abbiamo visto come gioca il Milan, il Napoli, l’Atalanta ormai fa grandi cose da anni. Il primato deve essere uno stimolo”.

💬 Juve con tre titolari fuori. Le assenze possono essere superate responsabilizzando di più i sostituti?
🗣️ “La Juve è una squadra con una rosa importante, Allegri saprà come sostituirli. Recuperano Bonucci e Chiellini, sicuramentte avranno una squadra molto competitiva. Faccio gli auguri a Chiesa, un grosso in bocca al lupo, è un patrimonio del calcio italiano”.

💬 Cosa è cambiato per Inter e Juve dal pareggio dell’andata?
🗣️ “Pensavamo di averla vinta la gara in campionato, poi ci fu l’episodio del rigore. Sia l’Inter che la Juve da quella partita siano cresciute entrambe le squadre. Partita contratta, due squadre in ritardo in classifica, non bella. Giocata al di sotto delle possibilità da parte di tutte e due”.

💬 Più facile avere a che fare con un gruppo nuovo quando c’è un capitano riconosciuto da tutti come Handanovic?
🗣️ “Fin dal primo giorno grande disponibilità di questo gruppo. Avevo avuto la fortuna di giocare sia con Samir che con Kolarov e mi sono stati di aiuto. Aver giocato con loro mi ha aiutato, ma oltre a loro tutti i componenti della rosa hanno collaborato al meglio. Anche la società e i tifosi mi hanno accolto benissimo”.

💬 Quanto incide l’epilogo della partita di campionato?
🗣️ “Al di là del campionato, la motivazione in più, dare il 120% lo darà l’atmosfera e il fatto che è una finale, davanti ai nostri tifosi. Non c’è rivincita, chi vince alza il trofeo”.

💬 Come stanno gli attaccanti? Dzeko e Correa?
🗣️ “Oggi abbiamo un allenamento. Ho visto ieri quelli che non hanno giocato con la Lazio, tutti in buone condizioni comprese Dzeko e Correa. Oggi ho tutti e 4 gli attaccanti a disposizione, due giocano. Cercherò di scegliere ogni volta la coppia più funzionale”.

“I miei precedenti in finale con la Juve? Ho battuto la Juve da sfavorito alla Lazio ma anche io ho perso contro la Juve. Sappiamo che sarà una partita molto molto bella, in uno stadio bellissimo. Cercheremo di dare questa soddisfazione ai tifosi, daremo il 120%”.

HANDANOVIC:

💬 Cosa dà e toglie questa partita nel prosieguo della stagione?
🗣️ “La gara con la Juve è sentita da entrambe le parti, è un derby d’Italia che ti dà il titolo. Noi siamo vogliosi di vincere come loro, questa gara ci può dare tanto: ce la giocheremo con lo spirito e l’atteggiamento degli ultimi due mesi”.

💬 Che partita ti aspetti?
🗣️ “Il mister ha detto abbastanza, mi aspetto una Juve tosta perché à una gara diversa dalle altre. Quando vengono qua sono sempre stati tosti, a prescindere dal momento di forma. Noi ci aspettiamo una gara difficile, non conta chi è favorito”.

💬 Questa vigilia ripaga gli anni di tanti sacrifici che hai fatto?
🗣️ “Io penso che questo non valga solo per me, i titoli sono importanti per tutta la squadra”.

💬 In questi giorni si è parlato tanto di Onana come prossimo portiere dell’Inter, ti danno fastidio le voci? Come vivrai il resto della stagione?
🗣️ “No, non mi danno fastidio. La competizione nel ruolo è benvenuta, se migliora uno o l’altro portiere. L’importante è avere fiducia in se stessi, io non faccio programmi a sei mesi: vivo alla giornata, mi sembra la cosa più giusta”.

💬 Domenica avete preso gol dopo sei partite, per colpa di un infortunio collettivo in difesa: ne hai parlato con Skriniar e De Vrij?
🗣️ “Quando l’Inter è imbattuta sono i difensori che non pigliano gol. Quando subiamo, è Handanovic che prende gol. C’è poco da spiegare, in quel caso Stefan ha valutato male la palla, poi ci stanno gli errori di reparto. E’ capitato a tutti, a me, Bastoni, Barella e Brozovic. Noi cerchiamo di commetterne meno, continuando a essere solidi”.

💬 Molti compagni hanno detto che con Inzaghi si divertono a giocare, è così anche per te?
🗣️ “Il piacere di giocare è per tutti, ma senza vincere non c’è piacere. Noi abbiamo trovato tante cose vincendo, i due anni precedenti ci hanno aiutato. La mentalità è diversa, ora i giocatori vogliono vincere trofei e dimostrarlo. Giochiamo in modo diverso, ci sono meno schemi e concetti, ma ti diverti solo se vinci. Stiamo in allerta perché nel calcio cambia tutto in una settimana”.

💬 In molti dicono che lo scudetto lo può perdere solo l’Inter, è una cosa che vi stimola?
🗣️ “E’ uno stimolo, ma il campionato è ancora lungo. Non è detto niente, c’è anche la situazione del Covid. Noi dobbiamo continuare a fare ciò che stiamo facendo, stare attenti, autodisciplinati”.

💬 Quest’anno sentite che c’è una mentalità vincente che viene automatica rispetto alle stagioni passate?
🗣️ “Noi siamo consapevoli della nostra forza, è importante la percezione che ora ha l’avversario dell’Inter. Negli anni si era persa, da anni ci guardano da Inter ed è una cosa che sentiamo”.