L’agente di Lazaro: “L’Inter lo seguiva da mesi. Società di livello mondiale”

Max Hagmayr, l’agente di Valentino Lazaro, ai microfoni di FcInterNews, rivela come il suo assistito sia arrivato alla firma con l’Inter.

Quando ha parlato per la prima volta con l’Inter di Valentino?
“Mesi fa. Quando i nerazzurri affrontarono il Rapid Vienna. Incontrai Piero Ausilio e Luciano Spalletti. Parlammo di calcio in generale, il discorso poi virò su Lazaro. Il ds dei meneghini lo conosceva da tanto tempo, anche perché già quando lui aveva 16 anni provò a portarlo in Italia e fummo davvero vicini alla chiusura dell’affare (rileggi qui la nostra anticipazione). Successivamente seguii anche il match di ritorno a San Siro. Poi un passo alla volta. Valentino mi confidò di sentirsi pronto per il successivo step della sua carriera. L’Inter cambiò mister. E il modulo di Conte è assolutamente perfetto lui. È stato proprio dopo una conversazione tra loro due che è arrivata la decisione finale. Lazaro voleva l’Inter, anche perché il mister salentino è il miglior tecnico motivatore in circolazione”.

Riassumendo: le ragioni della scelta ricadono su Conte e sul fatto che Valentino fosse attenzionato da parecchio tempo dai nerazzurri.
“Sì, ma anche per la partecipazione della Beneamata alla Champions League. E per il fatto che stia parlando di una delle società più importanti a livello mondiale”.

Prime impressioni?
“Diciamo che avevamo già parlato parecchio dell’Inter tra noi due. Poi abbiamo avuto una chiacchierata pure con Steven Zhang. Si capisce come i nerazzurri vogliano migliorarsi. Hanno preso un top manager e puntano ad arrivare sempre più in alto. Marotta e Ausilio sono degli ottimi professionisti. Il progetto è serio e devo dire che pure i fans sono top”.

C’erano molte squadre su Valentino?
“Molte, poi si devono anche selezionare quelle che avrebbero potuto pagare il cartellino del giocatore. Diciamo che tra queste, senza fare nomi, se ne possono contare almeno tre”.