Pagelle 18-19 vol.10: Dalbert

during the serie A match between FC Internazionale and Torino FC at Stadio Giuseppe Meazza on August 26, 2018 in Milan, Italy.

Nonostante i dubbi e qualche piccola voce di mercato, Dalbert Henrique è rimasto in nerazzurro, completando anche il secondo anno all’Inter. Sul giocatore sono state espresse molte critiche, dettate dall’esborso di 21 mln che la società ha effettuato per assicurarsi il terzino brasiliano che, di fatto, ha coperto il ruolo di riserva di Asamoah.

Quest’anno, Dalbert ha collezionato 11 presenze in Serie A (9 da titolare) e 1 in Coppa Italia, mettendo a segno 1 goal (contro il Benevento in Coppa Italia) e 1 assist (contro il Cagliari). Le sue prestazioni sono spesso sotto la sufficienza: il giocatore spesso commette errori banali e di disattenzione, suggerendo una grande difficoltà mentale ad imporsi in campo.

Dalbert vince il 77% dei tentasti tentati (3,8 su 4,9 p90) e intercetta 0,90 palloni p90: numeri discreti per un difensore. Il problema sorge quando il terzino si dimentica dei compiti di marcatura, lasciando liberi gli avversari.

Inoltre, l’acquisto di Dalbert era mirato ad avere un terzino di spinta: il dribbling in velocità era la caratteristica (sulla carta) che ha spinto i nerazzurri a cercare proprio lui. Il brasiliano perde 0,9 palloni p90 e si fa strappare la sfera tramite contrasti 0,8 volte p90. Tenta solamente 1 dribbling p90 (vincendone solo il 30%) e fatica a partecipare alla manovra: solamente 47,8 passaggi tentati p90 col 79% di precisione ma, la maggior parte dei quali, avviene in orizzontale (confermando l’insicurezza del giocatore di tentare giocate pericolose).

Spalletti ha ribadito più volte durante l’anno che Dalbert effettivamente possiede delle qualità (esagerando, ha paragonato il suo tiro a quello di Roberto Carlos) ma, sul campo, non abbiamo potuto godere di esse.

Nella sua seconda stagione incolore, Dalbert ottiene una valutazione di 6,99 secondo l’algoritmo WhoScored, però incapace di esprimere la gravità degli errori dei giocatori. Per questo, oltre alla delusione generale verso un giocatore che non è stato capace di riscattarsi, noi di Linea Inter gli assegniamo 5.