Marotta parla dei rinnovi e del futuro dell’Inter

Il dirigente Nerazzurro è stato ospite dell’Inter club della Regione Lombardia e ha rilasciato queste dichiarazioni:

“Il mercato sarà contraddistinto da pochissimi saldi negativi di campagne trasferimenti. Questo anche per gli altri club. Dobbiamo contenere i costi producendo giocatori anche sfruttando la scia dei valori prodotta dalla meritata vittoria dello scudetto. Rinnovi Brozovic e Perisic? Saremmo contenti e orgogliosi di poterli annoverare ancora tra noi. Non possiamo dispensare milioni nei contratti che andiamo a concludere ma se esiste volontà del giocatore e che loro capiscano il nuovo modello italiano, si potrà proseguire.

L’Inter può dare tanto ai propri giocatori, non è così facile trovare questo affetto altrove. Questa serietà, questa professionalità, questo ambiente e questa competitività rappresentata dall’Inter oggi.

Il mercato di gennaio? E’ riparazione, noi abbiamo rosa omogenea che ci sta dando soddisfazioni in campionato e Champions League. Merita di continuare. Gennaio finestra difficile, dovremmo trovare opportunità all’altezza dell’Inter. Non ci saranno stravolgimenti.

Baccin in Argentina per Alvarez? Rientra nelle attività normali di un manager, monitorare i vari campionati. Non solo Alvarez. Vlahovic? Grandissimo talento, attaccante moderno, bravo su tutti i fronti. Noi in quel reparto abbiamo mix elevato di esperienza e gioventù.

Lukaku? Volontà giocatore fondamentale. C’era grande volontà sua di andare al Chelsea. E d’altra parte la società, in momento di contrazione finanziaria, non poteva rinunciare a somma a mio avviso straordinaria. Sfatiamo il mito che Steven Zhang ha voluto vendere Lukaku.

Su Eriksen non abbiamo alcuna novità.

Lo stadio? Nell’ottica di modernità bisogna rivedere le strutture. I presupposti a Milano ci sono, credo e spero che si possa arrivare alla realizzazione quanto prima.

Se l’Inter è tornata vincente lo si deve alla famiglia Zhang. La pandemia ha creato grossi problemi e anche Suning ne ha risentito, ma vicinanza mai mancata. Bisogna trovare modelli differenti, come il player trading. Vendere e sostituire bene. E’ eticamente giusto”.

Interpellato poi sul Caso plusvalenze Juve e sul suo rinnovo ha risposto così:

“Caso plusvalenze Juve? Il modello italiano deve capire il player trading. Che è importante in termini di ricavi, come caso Lukaku. Ormai il nostro campionato è transizione per andare poi in Premier o al Psg.

Zero problemi per Inter su indagine? Assolutamente .

Quando rinnovo? Noi come management abbiamo un buon rapporto con Steven Zhang. Ora vediamo come il Covid condiziona il ritorno di Steven Zhang ma noi 4 (Samaden, Marotta, Ausilio e Baccin) siamo contenti di proseguire la nostra avventura all’Inter. Ed è reciproco. Noi dirigenti rinnoveremo alla prima occasione in cui Steven riuscirà ad arrivare a Milano. O se non riuscirà ad arrivare, ci sono tutti i presupposti per finalizzare il tutto quanto prima.

Anche Antonello ribadisce quanto indicato da Marotta:

“Indagine sulle plusvalenze? Confermo che al momento non c’è nessuna indagine sul club. Nessuna investigazione. La situazione riguarda soltanto la Juventus. Nulla che influenzi la situazione economica dell’Inter”.